• Teac UD-503: in arrivo il nuovo dac dsd/pcm, pre digitale, ampli cuffia bilanciato!

    Dopo il successo del precedente UD501, lo storico produttore giapponese decide che Ŕ il momento giusto per lanciare il nuovo modello di convertitore, che farÓ da apripista per l'intera linea "503".

    La filosofia del prodotto della linea "reference" rimane invariata. Un dac dsd/pcm con uscita cuffia in configurazione dual mono, con alcune novitÓ decisamente allettanti.




    LE NOVITA'
    La prima novitÓ riguarda il dac usato, questa volta Teac decide di affidarsi al flagship della Asahi Kasei Microdevices Corporation, adottando un doppio AKM4490, convertitore dalle ottime specifiche, con i suoi 120db di range dinamico, -112db di distorsione armonica, filtro di de-enfasi, sampling rate fino a 768khz (DSD256), controllo dei transienti mediante filtro IRD, e cinque filtri possibili (Acoustic Tone, Naturale Tone, Traditional Tone, Acoustic Sound, Natural Sound), consumo di energia e rumore ridotto durante l'over sampling.




    La seconda novitÓ
    riguarda l'output analogico, totalmente rivisto con un circuito denominato "Teac-HCLD", capace di gestire con maggiore precisione gli impulsi.

    La terza novitÓ riguarda la sezione di amplificazione per le cuffie, con un circuito a discreti e la possibilitÓ di lavorare in bilanciato ed una potenza dichiarata di 500mw+500mw su 32ohm in sbilanciato e 700mw+700mw in bilanciato.

    La quarta novitÓ riguarda la programmazione del chip FPGA, capace di convertire internamente "al volo" i segnali PCM in DSD! Operazione che solitamente viene svolta dal "player" software, che richiede talvolta plugin aggiuntivi e configurazioni precise.




    La quinta novitÓ riguarda l'ingresso USB, che rispetto al precedente modello viene bypassata l'alimentazione esterna, isolando completamente il rumore che proviene dalla sorgente (pc, smartphone, ecc...).

    La sesta novitÓ riguarda il controllo del volume (sono previsti 256 passi da 0.5db), un ingresso analogico stereo e l'uso del telecomando (finalmente!), cosý il Teac guadagna il rango di preamplificatore analogico/digitale.



    La settima novitÓ: la possibilitÓ di collegare un clock esterno da 10mhz. Teac stessa prevede la produzione di un clock dedicato e di un finale dedicato.



    Un prodotto che si preannuncia completo e versatile, proponendo tutte le funzioni che pu˛ richiedere l'acquirente pi¨ smaliziato.

    Se state cercando il nuovo "mdac" o l'alternativa ai vari Matrix Mini i pro, Marantz HD Dac1, Pioneer U5, con capacitÓ di riprodurre il dsd nativo, la conversione pcm-dsd al volo, la possibilitÓ di collegare cuffie bilanciate, la possibilitÓ di collegare direttamente degli amplificatori di potenza, una sorgente analogica e di comandare tutto comodamente dal divano, vi consiglio di tenere d'occhio il piccolo samurai giapponese.

    Lo troverete tra qualche mese nei negozi, in versione nera o argento, in Giappone il prezzo previsto Ŕ di 100.000 yen (circa 740 euro).


    Commenti 4 Commenti
    1. L'avatar di Daniele Pucciarelli
      Daniele Pucciarelli -
      Super NEWS ! Interessantissimo al cubo.
      Resta da ascoltarlo....
    1. L'avatar di giordy60
      giordy60 -
      molto bello e interessante !
      il prezzo Ŕ di sicuro interesse per molti utilizzatori.
    1. L'avatar di marcox65
      marcox65 -
      nelle ultime news purtroppo il listino parla di 143.860 Yen che al cambio sarebbero 1041 Euro.

      Mentre non ho capito le cuffie bilanciate se vanno inserite nelle prese posteriori XLR (come per l'ottimo SPL PHONITOR 2) oppure si tratta solo di un circuito bilanciato ma che non accetta i cavi XLR.

      Comunque aspettiamo che vada in prova ad esempio su Head-Fi...
    1. L'avatar di Solomon
      Solomon -
      Citazione Originariamente Scritto da marcox65 Visualizza Messaggio
      nelle ultime news purtroppo il listino parla di 143.860 Yen che al cambio sarebbero 1041 Euro.

      Mentre non ho capito le cuffie bilanciate se vanno inserite nelle prese posteriori XLR (come per l'ottimo SPL PHONITOR 2) oppure si tratta solo di un circuito bilanciato ma che non accetta i cavi XLR.

      Comunque aspettiamo che vada in prova ad esempio su Head-Fi...
      Il manuale giapponese parla... "chiaro" Le cuffie bilanciate andranno connesse nei due connettori frontali L ed R, per cui connettori Jack stereo per canale. Il funzionamento anti "rumore" viene gestito da un sistema chiamato ACTIVE GND, che si attiva secondo necessitÓ tramite menu.

      Se non ho capito male (il giapponese Ŕ fuori dalla mia portata ed avr˛ capito male), questo sistema funziona anche per le cuffie sbilanciate, simulando di fatto un circuito bilanciato.
DiyAudio 2.0
Unisciti a noi
C.Fis:RSSRNR60R10L407Y

Leggi la politica sulla privacy e i cookie del sito www.diyaudio.it